Le Acli di Napoli si colorano di blu: blu Europa

Anche le Acli di Napoli, guidate dal commissario straordinario Vincenzo Menna, hanno aderito con convinzione all'appello di Romano Prodi affinché il 21 marzo, primo giorno di primavera, le bandiere europee di colore blu con dodici stelle sventolassero a finestre e balconi accanto a bandiere italiane per ricordare che l'Europa è la nostra casa comune.
Le bandiere sono state esposte alle finestre della sede provinciale, nonchè di numerosi circoli ed associazioni aderenti al sistema Acli.
 
 Circolo Acli Orizzonti Napoli.jpegCircolo Acli Casamarciano.jpegSede provinciale Acli Napoli bis.jpegRagazze in servizio civile Acli Napoli.jpegSede provinciale Acli Napoli.jpegCircolo Acli Cicciano bis.jpegCircolo Acli Cicciano.jpeg

Le Acli di Napoli aderiscono alla proposta di Prodi di far sventolare alle finestre le bandiere europee ed italiane il 21 marzo

Europa.png"Abbiamo bisogno di più Europa, di un'Europa solidale, attenta ai bisogni degli ultimi e che rivesta un ruolo centrale sulla scena internazionale. Per questo anche le Acli di Napoli aderiscono all'appello di Romano Prodi affinché il prossimo 21 marzo le bandiere europee di colore blu con dodici stelle sventolino a finestre e balconi accanto a bandiere italiane: l'Europa è la nostra casa comune." È quanto afferma il commissario straordinario provinciale dell'associazione dei lavoratori cristiani, Vincenzo Menna.

"Ho già chiesto alle decine di nostri circoli, sparsi in tutta la provincia, di prepararsi ad esporre le bandiere, estendendo poi l'invito alle migliaia di iscritti. - continua Menna - Ho ricevuto riscontri molto positivi, segno che i valori su cui si fonda l'Unione Europea sono molto sentiti nella nostra comunità. La nostra vuole essere anche una presa di posizione forte contro nazionalismi e populisti che vogliono disgregare una realtà che  in oltre settant'anni ha creato pace, sicurezza e sviluppo per centinaia di milioni di persone. Anche questa volta, le Acli ci sono."

I Giovani delle Acli di Napoli a Roma per l'evento Agorà 4.0

x26-02-2019_04-650x433.jpg.pagespeed.ic.ryNWxhw2wl.jpg

Si sta svolgendo a Roma "Agorà 4.0", l’incontro tematico organizzato dai Giovani delle ACLI in occasione della loro Assemblea Nazionale. Industria 4.0, formazione e lavoro, Europa, questi i temi al centro degli incontri a cui parteciperanno, tra gli altri, Maria Cristina Pisani, portavoce del Forum Nazionale Giovani,  Francesco Delzio, manager e professore universitario della Luiss Business School,  Andrea Bianchi, direttore Area politiche industriali Confindustria, Ciro Cafiero, avvocato giuslavorista, Francesco Occhetta, giornalista de La Civiltà cattolica,  Vincenzo Spadafora, Sottosegretario con delega ai giovani e alle pari opportunità e Roberto Rossini, Presidente nazionale delle ACLI. La delegazione dei Giovani delle Acli di Napoli è guidata dal coordinatore provinciale Gioacchino Antonio Scala. 

“L’educazione non formale, l’industria 4.0, il tema del lavoro e della formazione in un contesto più ampio come quello europeo, sono le sfide per il futuro delle nuove generazioni – spiega Giacomo Carta, Coordinatore nazionale dei Giovani delle ACLI – Con il nostro incontro vogliamo stimolare il dibattito intorno a questi temi, anche in vista del prossimo appuntamento elettorale con le europee di maggio”.

 

Successo per il seminario "La riforma del terzo settore: novità ed adempimenti per le organizzazioni di promozione sociale"

WhatsApp Image 2019-02-19 at 15.53.00.jpegGrande partecipazione al seminario intitolato "La riforma del terzo settore: novita ed adempimenti per le organizzazioni di promozione sociale", promosso dalle Acli, dall'Unione Sportiva Acli e dal Centro Turistico Acli di Napoli. L'evento, che si è tenuto nella sede provinciale delle Acli, ha visto come relatore Damiano Lembo, presidente nazionale dell'Us Acli e dottore commercialista. Sono intervenuti anche Vincenzo Menna, commissario straordinario delle Acli di Napoli, Pino Vitale, presidente nazionale del Cta, Angelo Vecchione, responsabile provinciale per la qualità della vita associativa, oltre a decine di presidenti di circoli ed associazioni. L'ampia partecipazione a questo importante evento, che segue la grande attenzione manifestata per il corso per promotori sociali di patronato appena avviato, è una ulteriore riprova che esiste una forte domanda di formazione in ambito sociale a cui le Acli hanno deciso di rispondere in modo fattivo.