Una folta delegazione delle Acli di Napoli incontra il presidente Rossini a margine del convegno dal titolo "La Nostra Europa"

UWhatsApp Image 2018-11-30 at 15.08.39.jpegna folta delegazione delle Acli di Napoli a Roma per partecipare al convegno "La Nostra Europa": un'iniziativa promossa dalle Acli nazionali a sostegno dell'identità europea dell'Italia. Gli aclisti partenopei, guidati dal commissario straordinario Vincenzo Menna, hanno incontrato nell'occasione il presidente nazionale delle Acli Roberto Rossini.

Il convegno, organizzato da Acli, Azione Cattolica, Comunità Sant’Egidio, Confcooperative, Fondazione Ezio Tarantelli della Cisl, Fuci e Istituto Sturzo, ha visto gli interventi del presidente della Cei, il card. Gualtiero Bassetti, Enrico Giovannini, Stefano Allevi, Filippo Andreatta, Mauro Ma gatti, il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio. 

Anna Cristofaro delle Acli di Napoli eletta ai vertici nazionali dell’Acli Colf

Acli Colf1.jpg

La responsabile napoletana dell’Acli Colf Anna Cristofaro, già presidente delle Acli della Campania, è stata eletta tra le cinque componenti della segreteria nazionale delle associazioni che riunisce colf e badanti al termine del congresso che si è tenuto poco fa a Roma. La Cristofaro affiancherà la nuova segretaria nazionale, la cosentina Giamaica Puntillo.

“L’elezione della Cristofaro dimostra che la classe dirigente delle Acli di Napoli è preparata, capace e sa farsi apprezzare ad ogni livello. – spiega Vincenzo Menna, commissario straordinario dell’associazione dei lavoratori cristiani partenopei – Ad Anna, che negli anni ha saputo dimostrare grandi qualità umane e professionali, auguriamo buon lavoro, nell’interesse delle colf e delle badanti, italiane e straniere, che rappresentano una fondamentale risorsa per i servizi di cura nel nostra Paese.”

Acli Colf è l'associazione professionale delle Acli per le collaboratrici familiari italiane e immigrate. Opera per la tutela dei diritti delle colf, promuove percorsi di formazione per l’apprendimento della lingua italiana e di economia domestica. Il congresso nazionale si è focalizzato sulle questioni prioritarie del lavoro domestico e di cura, a partire da una disamina delle tendenze attuali del cosiddetto “fenomeno badanti”. Nonostante la popolazione invecchi e aumentino i bisogni di cura da parte delle famiglie italiane si è registrato un calo tendenziale del numero di colf e badanti iscritte alla gestione dell’Inps. Questo è avvenuto per effetto della crisi economica che ha costretto molte famiglie ad assumere ‘a nero’ non potendone più sostenere i costi. Ma soprattutto per effetto di una legge che in tema di immigrazione di fatto produce irregolarità. Molte famiglie infatti, pur volendo, non possono regolarizzare la propria badante straniera perché non ci sono stati più decreti flussi specificatamente per badanti dal 2011, né regolarizzazioni.

 

Forum delle Famiglie, i complimenti del commissario delle Acli di Napoli Menna ai neoeletti vertici nazionali

De Palo Budano.jpg

Il commissario straordinario Vincenzo Menna fa i suoi auguri al rieletto presidente nazionale del Forum delle Associazioni Familiari Gigi De Palo e a Gianluca Budano, eletto nel direttivo nazionale in rappresentanza delle Acli. Il prossimo mandato del Forum Famiglie – realtà che comprende oltre 580 realtà associative nazionali e locali, portando avanti le istanze di circa 4 milioni di famiglie – durerà quattro anni.

 “Il tema della famiglia è centrale per un’associazione cristiana e popolare coma la nostra. – spiega Menna – Le Acli di Napoli stanno rafforzando il proprio impegno all’interno del Forum. Per questo, recentemente, ci stiamo impegnati nella costruzione del Forum provinciale, attraverso l’impegno dell’avvocato Daniela Russo, che sta lavorando alacremente per raggiungere questo obiettivo insieme ai rappresentanti di alcune altre associazioni tra le più rappresentative in questo campo. A Gigi e a Gianluca vanno i nostri migliori auguri: sono persone serie e competenti e rappresenteranno al meglio le famiglie italiane.”

"Il ruolo della donna nella società": un evento promosso dalle Acli di Napoli

WhatsApp Image 2018-11-20 at 15.26.14.jpeg"Il ruolo della donna nella società. Passato e presente”. E’ il titolo di un evento artistico che si terrà presso il Cimitero delle Fontanelle il prossimo 25 novembre alle 10.30, in occasione delle celebrazioni della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne.

Introdurrà l’evento Daniela Russo, responsabile della vita cristiana delle Acli di Napoli e saluteranno gli intervenuti i consoli generali della Tunisia e del Venezuela a Napoli, moderati da Lina Liguori. Si passerà, poi, all’evento vero e proprio, sotto la direzione artistica di Pasquale Gallifuoco: si alterneranno brani musicali e testi sul tema della manifestazione letti, cantati o eseguiti da Rossana Palombo, Ciro Palombo, Romolo Sussolano, Gino Accordo, Marco Zvab e Raffaella Ambrosino. Ospite d’eccezione sarà M’barka Ben Taleb, la famosa cantante, attrice e musicista tunisina ormai da anni trapiantata in Italia, tra i protagonisti del celebre “Passione” di John Turturro.

L’evento è organizzato dalle Acli di Napoli, dai Giovani delle Acli, dal circolo Acli Beni Culturali e dall’associazione Miracoli Futura ed è promosso anche da Unione Sportiva Acli, Federazione Anziani e Pensionati, Centro Turistico Acli, Acli Terra, Acli Arte e Spettacolo provinciali e dal circolo Acli Napoli Est. La manifestazione è patrocinata dal Comune di Napoli.

“La Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne non dovrebbe esistere, perché se non esistesse vorrebbe dire che al mondo non si fa più del male alle donne. – afferma il commissario provinciale delle Acli di Napoli, Vincenzo Menna. – Abbiamo voluto proporre alla città di Napoli una riflessione in musica e parole su questi temi così importanti e ci auguriamo che da eventi come questi possa nascere un più approfondito dibattito pubblico su un argomento fin troppo spesso ignorato dall’opinione pubblica.”

La Giornata è stata istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999. Scelta da un gruppo di attiviste, riunitesi a Bogotà nell’Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi, tenutosi nel 1981, ricorda il brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal considerate esempio di donne rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni. In Italia la ricorrenza viene ricordata dal 2005.