“Venti di legalità”, a Casamarciano le Acli incontrano don Aniello Manganiello

WhatsApp Image 2018-11-12 at 20.44.51.jpegLe Acli di Napoli incontreranno don Aniello Manganiello, noto per le sue battaglie contro la camorra, il prossimo 18 novembre alle 18 alle 17 presso il salone parrocchiale di Casamarciano in via Giovanni XXIII 4.

L’incontro, all’interno della VI giornata della legalità, è intitolato “Venti di legalità – Racconti, storie, vissuti.” Apriranno il convegno i saluto del sindaco di Casamarciano Andrea Manzi, del parroco don Raffaele Rossi e del commissario straordinario delle Acli di Napoli Vincenzo Maria Menna. Interverrà, oltre a don Aniello Manganiello, il magistrato Francesco Soviero. Modererà l’incontro il capostruttura di Raio Radio 2 Antonio Caggiano. L’evento è organizzato, oltre che dalle Acli di Napoli, dal locale circolo intitolato a Giovanni Paolo II, dal Centro Turistico Acli e dai Giovani delle Acli.

“L’impegno delle Acli di Napoli sul tema della legalità – spiega il commissario Menna – è stato sempre massimo. Siamo lieti di incontrare don Aniello Manganiello, che presenterà il suo libro ‘Gesù è più forte della camorra’, che in poco tempo è diventato un best seller. Don Aniello rappresenta la parte migliore delle nostre terre e la sua presenza a Casamarciano rappresenterà un momento di arricchimento per la nostra associazione e per tutta la popolazione. 

Progetto "Forti per agire": attivato un contact center per migranti

 

fortiperagire.jpeg

Dal 1 settembre 2018 è attivo un servizio telefonico per persone migranti che vivono in condizioni di disagio e/ o di discriminazione.

E' possibile contattare esclusivamente attraverso SMS e messaggi whatsapp il seguente numero:

+393755844245

Puoi contattare gli operatori del servizio (Un operatore sociale, un mediatore culturale ed un avvocato) che ti daranno un primo aiuto e ti orienteranno nelle scelte da compiere. Avrai risposta nelle 24 ore successive.

Il servizio rientra nell’ ambito del progetto ForTI per AGIRE – “Formazione Tecnica agli Immigrati per Attuare e Gestire Iniziative di Responsabilità Etica.

Il programma FORTI PER AGIRE, di Esperienze con il sud della Fondazione con il Sud, intende potenziare la rete attraverso attività di formazione per volontari e attività di inserimento lavorativo ed accompagnamento alla creazione d’impresa per immigrati. Si vuole valorizzare il ruolo degli immigrati nel contesto territoriale in cui vivono, favorendone l’inserimento sociale e lavorativo, diffondendo nel contempo sul territorio di Napoli una cultura dell’integrazione e della collaborazione nella comunità dei cittadini italiani e stranieri.
Nello specifico delle azioni, si intende realizzare: un percorso formativo per i volontari delle associazioni aderenti alla rete; un percorso formativo nelle scuole; l’inserimento lavorativo per stranieri tramite la realizzazione di tirocini presso la bottega del commercio equo di ‘Mani Tese Campania’ e la gestione di diverse coltivazioni biologiche locali a Km 0; presentazione di istanze di finanziamento al ‘comitato microcredito’ del rione Sanità per avviare microimprese; azione di monitoraggio delle condizioni delle persone richiedenti asilo nelle strutture di accoglienza. I beneficiari diretti che si intendono coinvolgere sono 3.300 migranti ed appartenenti alle comunità immigrate presenti nel Comune di Napoli.

LA RETE DI PROGETTO: 

MANI TESE CAMPANIA
ACLI – SEDE PROVINCIALE DI NAPOLI
ASSOCIAZIONE VIVAMENTE
CENTRO SHALOM
COMITATO PROVINCIALE ARCIGAY ANTINOO DI NAPOLI
MOVI FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NAPOLI

Servizio Civile Universale, quattro posti presso le Acli di Napoli

IMG-20180820-WA0040.jpg

E' stato pubblicato il Bando Nazionale 2018 relativo al Servizio Civile Universale. La Acli di Napoli hanno a disposizione 4 posti, suddivisi in 4 progetti. Possono partecipare giovani di eta' compresa tra i 18 ed i 29 anni non compiuti all'atto della presentazione della domanda. Il termine di scadenza per la presentazione delle domande e' fissato al 28/09 p. v. Dal giorno 23 agosto e per tutta la durata della presentazione delle domande è possibile avere informazioni sui progetti e ausilio per la compilazione delle domande presso la sede delle Acli provinciali di Napoli in via del Fiumicello, 7 nei seguenti giorni e orari: il martedì dalle 10.00 alle 14.00 e il giovedì dalle 15.00 alle 18.00. Per qualsiasi altra informazione al riguardo è possibile inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure contattando la pagina Facebook Giovani delle Acli Napoli

Scala (GA Napoli): "Ha ragione il Papa, bisogna ricucire i rapporti intergenerazionali"

Papa_Francesco_Washington.jpgPapa Francesco, in attesa del Sinodo dei giovani di ottobre, ha incontrato decine di migliaia di giovani a Roma: sua Santità ha accolto molte delle domande postegli ed ha esortato tutti i giovani del mondo per mezzo di quelli presenti all’incontro, di continuare a perseguire i propri sogni e non lasciarsi abbattere al primo ostacolo. Il cammino dei giovani italiani provenienti dalle diocesi di molte province della penisola rappresenta proprio questo, il cammino mosso dal desiderio di ascoltare le parole di papa Francesco, ma un cammino fatto anche di testimonianza della fede raccontata attraverso le strade che portano nella Capitale. 
Il Santo Padre, nelle sue parole, ha sottinteso infine una “ricucitura” con la “vecchia generazione” affinchè si riprenda del tutto quel dialogo intergenerazionale che possa portare noi giovani sulla strada da intraprendere per un futuro migliore.
 Sul tema dello strappo intergenerazionale in cui ci troviamo a vivere, posso senz’altro citare il mio intervento fatto lo scorso maggio presso la biblioteca “Antonio Labriola” per la presentazione del libro di Michele Grimaldi “La Macchia Urbana” in una delle periferie della città di Napoli ovvero San Giovanni a Teduccio: nel libro si rimarca proprio la disgregazione del tessuto urbano delle grandi città che porta ad una decontestualizzazione delle grandi periferie rispetto ai centri urbani provocando le diseguaglianze sociali. Il mio pensiero è stato rivolto ai figli di quelle periferie, alle seconde e alle terze generazioni, rimarcando l’accento su una disgregazione generazionale provocata da quella urbana.
Trovandomi d’accordo con le parole del coordinatore nazionale dei Giovani delle Acli, Giacomo Carta, l’incontro studi di Trieste in programma il prossimo settembre, sarà un importante tavolo di confronto per noi giovani con gli adulti della nostra Associazione, in primis per parlare di lavoro, il “grande assente” nella nostra generazione.
 
Di Gioacchino Scala, coordinatore provinciale dei Giovani delle Acli di Napoli.